News

Più "clandestini" e meno immigrazione: questo il senso del nuovo decreto

pubblicato nella categoria 2018 il

L'intervento di Ulderico Daniele sul nuovo Decreto su accoglienza e migranti. Il provvedimento avrà il risultato principale di generare più “clandestini”, molti più “clandestini invece di una “efficace ed efficiente gestione del fenomeno migratorio”, avremo perciò più persone e corpi senza diritti, spinti verso lo sfruttamento e la nuova schiavitù, resi disponibili alle organizzazioni criminali nostrane e internazionali. In barba alla sicurezza.

Nomine, concorsi e reclutamento dei docenti. I primi passi poco promettenti del Governo "del Cambiamento"

pubblicato nella categoria 2018 il

I primi difficili passi del Governo del Cambiamento su nomine, reclutamento dei docenti e concorsi: il buongiorno non si vede dal mattino.

La sospensiva della Corte Europea dei diritti dell'Uomo dello sgombero del camping River di Roma mette in evidenza definitivamente il fallimento delle politiche riguardanti i Rom adottate in italia

pubblicato nella categoria 2018 il

Laddove sarebbero stati necessari, come più volte indicato in primo luogo dall'Unione europea, percorsi di inclusione sociale, abitativa, scolastica e lavorativa, si è scelta invece, in modo pressoché sistematico, la strada dell'esclusione, dell'isolamento e della segregazione operata su base etnica: aggravando via via la situazione e aumentando le tensioni sul territorio, salvo poi, in non pochi casi, utilizzare per aumentare il proprio consenso, gli stessi problemi che si era contribuito a far precipitare.

Il rapporto di A Buon Diritto sulla relocation di Profughi e richiedenti Asilo

pubblicato nella categoria 2018 il

A Buon Diritto ha pubblicato il rapporto di ricerca basato su un prezioso e importante lavoro dia anlisi e valutazione dei risultati e del funzionamento dei programmi di relocation dell'Unione Europea che hanno riguardato profughi e richiedenti asilo sul territorio italiano e in particolare nella città di Roma. Si tratta di un documento che andrebbe diffuso e conosciuto il più possibile per la sua chiarezza, concretezza e precisione, che permette di valutare, sulla base di dati di fatto e non di affermazioni esclusivamente propagandistiche , un aspetto importante sulle condizioni e le prospettive di vita dei richiedenti asilo che riescono a raggiungere il nostro Paese.

I dati sulla popolazione detenuta: La metà deve scontare condanne inferiori a 5 anni

pubblicato nella categoria 2018 il

Il 53% dei detenuti ha commesso reati relativi alle leggi sugli stupefacenti. Un detenuto su cinque ha una pena residua inferiore ai dodici mesi. La mancata riforma dell'ordinamento penitenziario colpisce soprattutto chi deve scontare pene residue inferiori ai due anni e aggrava le criticità connesse all'affollamento carcerario.