News

Il Garante nazionale delle persone private della libertà sui diritti dele persone con disabilità

pubblicato nella categoria 2018 il

Il garante deelle persone private della libertà nella sua relazione annuale ha dedicato anche un ampio spazio ai diritti delle perosne con disabilità. La connotazione plurima dell’incarico del Garante infatti, che discende da queste premesse, non solo giustifica, ma rende necessario un impegno e un’attenzione anche in aree che tradizionalmente non erano ritenute di sua stretta competenza, quali quelle relative alle persone con disturbi psichiatrici, alle persone anziane e alle persone con disabilità. Proprio a queste ultime e alle loro aspettative è dedicato il primo capitolo tematico della Relazione, che per il Garante ha uno dei suoi fulcri nella parola “attesa”: “L’attesa del mondo della disabilità è stata centrata nella fiducia in una Istituzione nuova, il Garante nazionale, che ha assunto l’impegno di monitorare il variegato mondo delle strutture per persone vulnerabili e di indirizzare un occhio esterno verso luoghi capillarmente sparsi nel territorio del Paese e a volte poco trasparenti.

Sempre più difficile l'esercizio della libertà di espressione in Italia

pubblicato nella categoria 2018 il

Sempre più frequenti e gravi gli episodi di intimidazione nei confronti di giornalisti liberi e indipendenti

I dati istat sulla povertà in Italia: in aumento le persone in stato di povertà assoluta e relativa.

pubblicato nella categoria 2018 il

I dati ISTAT sulla povertà in Italia: sempre più poveri e sempre più giovani

Istruzione e mobilità sociale: concorso per dirigenti scolastici, prof. in trincea e conflitti sul numero chiuso

pubblicato nella categoria 2018 il

Il neo ministro dell’istruzione Marco Bussetti ha indicato, nel corso di una recente intervista al Messaggero, le priorità del nuovo governo riguardo al sistema scolastico italiano. Il primo intervento sarà a luglio dare il via al concorso per dirigenti scolastici e così superare la reggenza come provvedimento provvisorio e non risolutivo. Riguardo invece alla spinosa questione dell’assunzione dei precari, in particolare delle maestre diplomate magistrali escluse dalle graduatorie dalla sentenza del Consiglio di Stato di fine 2017, il neo ministro non ha ancora espresso una posizione precisa. Una delle priorità sarà comunque valorizzare il personale ATA. Il nuovo governo pare tuttavia porsi in una posizione di continuità sui vari temi inerenti alla scuola rispetto agli interventi delle due precedenti legislature. Il premier Conte ha infatti assicurato che la riforma della cd. Buona scuola non verrà stravolta.

Segnaliamo inoltre lo speciale “Prof. in trincea: viaggio nelle scuole di frontiera” composto da sei video documentari che presentano diverse “storie di insegnanti che lottano tutti i giorni per fare il loro lavoro. In zone periferiche e abbandonate. Con studenti "difficili". Che devono scontrarsi con alunni e genitori. Che vengono aggrediti e sono vittime di bullismo. Ma che vanno avanti comunque, con passione, nonostante tutto. E che, qualche ragazzo, a volte, riescono a salvarlo”.

Per quanto riguarda l’Università, fa ancora discutere la questione del numero chiuso. Particolarmente emblematico e preoccupante è il caso del corso triennale di Scienze e Tecniche Psicologiche dell’Ateneo Torinese. In seguito alla sentenza del Tar del Lazio del 6 giugno scorso, che ha dichiarato illegittimo l’accesso limitato a fronte di un costante incremento degli studenti che intendono immatricolarsi, il Consiglio di Dipartimento dell’Ateneo ha deciso di chiudere il corso triennale. Decisione che deve ancora essere confermata dal Senato accademico. Il rettore G. Ajani sostiene che si tratta di una scelta obbligata: «L'università di Torino ha sempre creduto al "numero aperto", ma in questo caso non ce l'abbiamo fatta: se apriamo a tutti un corso che in altri atenei è chiuso, finiamo travolti, arriveranno gli studenti di mezza Italia che non trovano collocazione». Il rischio è quindi quello di non riuscire a sostenere l’offerta formativa per un corso aperto, considerando la carenza di strutture e di personale dell’Ateneo. Questo rimanda ad altre criticità che caratterizzano il sistema universitario italiano, quali per esempio al sistema di reclutamento previsto dalla cd. legge Gelmini, al blocco del turn over e gli scarsi finanziamenti alla ricerca e alla didattica.

Lettera al Ministro dell'Interno Matteo Salvini

pubblicato nella categoria 2018 il

Pubblichiamo la lettera aperta che Gabriele del Grande ha scritto al Ministro Salvini il cui contenuto condividiamo pienamente e che spiega con grande chiarezza cosa si dovrebbe davvero fare, in Italia e in Europa